ENGLISH

Alberto Clementi

Alberto Clementi

Alberto Clementi, Roma 03.09.1945, è un urbanista che svolge la sua attività fondamentalmente presso l’università, integrandola con sperimentazioni progettuali e consulenze per conto del governo centrale  e di governi locali.

 

Insegna da tempo presso la facoltà di Architettura di Pescara, di cui è preside dal 2004, dopo essere stato fondatore e direttore del dipartimento di Architettura e Urbanistica. E’ stato in precedenza docente nelle università di Roma, Ginevra e Algeri, dove ha promosso e coordinato corsi di master in Urbanistica e poi in Siti storici. Ha tenuto corsi e conferenze presso numerose università in Europa, negli USA, in Canada e in America Latina. Particolarmente impegnato nelle attività di ricerca, ha promosso il dottorato europeo Quod (Pescara con Venezia, Barcellona, Lisbona e Cosenza), dopo aver fondato il dottorato in Urbanistica. Per oltre dieci anni è stato Segretario della Società Italiana degli Urbanisti, che ha contribuito a fondare nel 1994.

 

Dopo un’intensa attività di ricerca sui processi di trasformazione dei territori urbani contemporanei, con particolare riferimento alle dinamiche degli ambienti insediativi locali e delle urbanizzazioni irregolari in Italia, nel Maghreb e in America Latina, i suoi interessi più recenti si sono orientati in particolare verso i temi del paesaggio, delle infrastrutture, del progetto urbano sostenibile e della pianificazione strategica, con particolare riferimento alla ricostruzione post-sismica in Abruzzo.

 

 

 

Il paesaggio è stato al centro di un’intensa attività di ricerca e consulenza a supporto del ministero per i Beni e le Attività Culturali, con la partecipazione a commissioni di riforma delle leggi esistenti, la preparazione della Prima Conferenza Nazionale del Paesaggio e con la ricerca per l’innovazione dei metodi di pianificazione a seguito della Convenzione Europea del Paesaggio. Ha lavorato anche per conto di governi regionali e provinciali, come coordinatore di nuovi piani paesaggistici e territoriali (Umbria, Marche, Molise, Abruzzo, Calabria, provincia di Ferrara ) e con la consulenza a supporto a programmi di cooperazione comunitari ( LOTO-InterregIII); infine per conto di amministrazioni comunali, con la produzione di piani urbanistici orientati alla valorizzazione del paesaggio ( come Monte Argentario, San Miniato e  Scansano in Toscana).

 

Per i temi delle infrastrutture ha collaborato a lungo con il ministero dei Lavori pubblici prima e poi delle Infrastrutture e Trasporti, con la preparazione della I e II Conferenza Nazionale del Territorio, con programmi di ricerca di interesse nazionale ( ITATEN, forme del territorio italiano; RETURB; ITATER 2020; Reti e territori al futuro ), e con il coordinamento degli studi preparatori del Quadro Strategico Nazionale. Ha collaborato inoltre con la Regione Abruzzo in particolare per la definizione degli assetti infrastrutturali della valle del Pescara, e per la valutazione degli studi di fattibilità relativi alle opere prioritarie della viabilità.

 

Il tema del progetto urbano è stato al centro soprattutto di ricerche per l’innovazione con i programmi comunitari PIT-Urban e PRUSST e di sperimentazioni che hanno interessato il quartiere di San Lorenzo a Roma, il centro città a Montesilvano in Abruzzo, la riconversione in chiave di sostenibilità della periferia occidentale di Pescara.

 

Il tema della pianificazione strategica è stato esplorato ai diversi livelli, con incarichi delle amministrazioni di livello centrale (Quadro Strategico Nazionale per il Ministero delle Infrastrutture),regionale (Quadro Strategico Regionale per le regioni Umbria, Calabria, Marche),  di area vasta ( Ferrara , Bassano del Grappa), e comunale (Sulmona ).

 

Più recentemente, d’intesa con la Struttura Tecnica di Missione del Commissario per la ricostruzione in Abruzzo, sta coordinando alcuni piani locali, dopo aver coordinato per conto della Regione l’attività di alcuni laboratori InterLab di sostegno ai comuni colpiti dal terremoto.

 

Ha contribuito infine alla riorganizzazione dei processi di valutazione delle università, curando il ranking delle riviste d’architettura (come coordinatore della Commissione della Conferenza dei Presidi)  e alla internazionalizzazione delle attività di ricerca, in particolare fondando il centro di ateneo SCUT ( Sviluppo competitivo delle città e dei territori), promuovendo programmi bilaterali (come Italia –Giappone per l’architettura e il paesaggio), partecipando all’Expo di Shangai (esperienze d’Abruzzo) e sviluppando piani e progetti per conto di governi regionali e locali (Zhongshan in Cina, Durazzo in Albania, Rjieka in Croazia ).

 

Dirige la rivista internazionale on line EcoWebTown.

 

 

 

Pubblicazioni principali recenti

 

- A.Clementi ( a cura di), EcoGeoTown, Programma Pilota a Pescara, LIST, Trento-Barcellona,2010

- A.Clementi, voce Territorio: una risorsa per lo sviluppo, XXI secolo. Vol.IV, Gli spazi e le arti, Istituto della Enciclopedia Italiana, Treccani, 2010

- A.Clementi, R.Mascarucci, a cura di, Zhongshan Program, LIST, Barcellona-Trento, 2010

- M.Angrilli, A.Clementi, S.Ferrini, Progettare le nuove centralità, Faculty press, Sala, Pescara, 2010

- A.Clementi, M.Angrilli, a cura di, QUOD. Quality of Design, LIST, Barcellona, 2010

- A.Clementi, Oltrecittà. Verso una nuova urbanità medioadriatica, in P.Barbieri,a cura di, “Hyperadriatica”, List-Actar, Barcellona-Trento,  2009,

- A.Clementi, a cura di,  Architettura e paesaggio. Italia e Giappone faccia a faccia, LIST, Barcellona-Trento, 2009

- A.Clementi, “ Paesaggio, tradimenti, innovazioni”, in Urbanistica, n.137, 2008

- A.Clementi, Corridoi,piattaforme,città senza fine. Nuovi scenari per la città medioadriatica, in P.Barbieri, a cura di, “Opere pubbliche e città adriatica”, List-ActarD, Roma-Barcellona,  2008

- A.Clementi, Autovalutiamoci. Ranking  delle riviste di architettura, Giornale dell’architettura, n.61, 2008

- A. Clementi, M.Di Venosa, Infracity, List-ActarD, Roma-Barcellona, 2007

- A.Clementi, Landscape and Urbanism in Italy, in AA.VV. “Landscape and society”, Council of Europe Publishing, Strasbourg, 2007

- A. Clementi, Un avvenire possibile del territorio italiano, in Reti e territori al futuro, ministero delle Infrastrutture, Roma, 2007

- A.Clementi, voce Urbanistica, XXI secolo – Aggiornamento dell’Enciclopedia italiana di scienze, lettere ed arti, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2006

- A.Clementi, Verso nuovi profili dell’urbanistica italiana, in M.C.Tosi ( a cura di), Di cosa parliamo quando parliamo di urbanistica, Meltemi, Roma, 2006

- A.Clementi, M.Ricci,  Ripensare il progetto urbano, Meltemi, 2004

- A.Clementi, Infrascape, infrastrutture e paesaggio, Mandragora, Firenze 2003

- A.Clementi, Interpretazioni di paesaggio, Meltemi, Roma, 2002

- A.Clementi, Il progetto di territorio, in AA.VV, Progetti di territorio e contesti dello sviluppo, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Roma, 2002

- A.Clementi, Urbanistica, Supplemento della Piccola Treccani, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2002